box-col-12

Caminetti a pellet e a legna:
quali sono le differenze?

Confrontando le caratteristiche di un camino a legna tradizionale con un moderno caminetto a pellet ci si rende subito conto che stiamo parlando soprattutto di praticità contro tradizione.

Alcune persone sono pronte a qualunque sacrificio pur di ammirare i ciocchi di legna che bruciano nel focolare. Per loro ricaricare il camino più volte al giorno è quasi un piacevole rituale. Per altri, vuoi per ritmi giornalieri più serrati, vuoi per esigenze di riscaldamento più stringenti, mettere la legna nel camino è una fatica semplicemente non affrontabile. Per loro la variante a pellet del classico caminetto può costituire una valida alternativa.

Vediamo insieme i quattro vantaggi sostanziali che il camino moderno a pellet può offrire rispetto al camino a legna.

1. IL CAMINETTO A PELLET SI PUÒ PROGRAMMARE, QUELLO A LEGNA NO.

Esattamente come accade nelle stufe a pellet, il camino a pellet contiene una coclea che si aziona elettronicamente e preleva i granuli dal serbatoio per depositarli nel braciere. Subito sotto il braciere, una resistenza elettrica dà l’avvio alla combustione dei granuli di pellet. Essendo tutte queste componenti elettriche, è facile capire che il camino a pellet si può accendere e spegnere secondo un orario preimpostato.

La programmazione dei camini a pellet MCZ avviene in modo molto semplice da un telecomando, con pochi tasti e funzioni semplificate. È possibile regolare in modo preciso anche la temperatura da raggiungere, cosa impossibile con i camini a legna.

I camini a pellet MCZ Comfort Air® sono progettati per trasportare l’aria in più punti della casa e dal telecomando è possibile impostare temperature personalizzate per ogni stanza.

vivo85hydro-3

2. IL CAMINETTO A PELLET È MOLTO VERSATILE A LIVELLO PROGETTUALE, AL PARI DI UN CAMINO A LEGNA.

Il caminetto è indubbiamente la scelta più semplice per armonizzare perfettamente il punto fuoco con il proprio arredo. Al contrario di una stufa, che viene installata freestanding e può diventare un elemento d’arredo ingombrante o stonato rispetto al contesto, il camino si inserisce discretamente a muro e permette di accontentare i gusti più diversi.

Il camino a pellet permette di abbinare la praticità d’uso offerta dal pellet con un’estrema versatilità progettuale. Si adatta in modo egregio sia a soluzioni minimali, senza rivestimento, sia a installazioni di tipo classico, con cornici o altri elementi decorativi.

Inoltre, i caminetti a pellet MCZ sono studiati appositamente per garantire non solo la massima efficienza, ma la massima gradevolezza visiva della fiamma.

Un braciere particolarmente largo è quello del camino a pellet panoramico Vivo 90, che consigliamo di ammirare in funzione nei negozi MCZ che lo espongono in showroom. I granuli di pellet si depositano in modo regolare nel braciere e prendono fuoco con una fiamma estremamente scenografica, dall’effetto mosso e naturale. Estetica e praticità sono salve.

3. IL CAMINETTO A PELLET BRUCIA MEGLIO RISPETTO AD UN CAMINO A LEGNA

Essendo un combustibile dalla caratteristiche standardizzate, il pellet brucia meglio rispetto alla legna, con maggiori rendimenti e minori residui. Questo consente ai camini a pellet di essere macchine da riscaldamento molto più performanti e pulite rispetto ai caminetti a legna tradizionali.

La combustione del pellet permette livelli di emissioni di polveri almeno 10 volte inferiori a quelle della legna. In effetti, in molti paesi europei sono previste diverse misure incentivanti per sostituire di camini a legna con focolare aperto o di stufe a legna obsolete con stufe o caldaie a pellet innovative. Nella Pianura Padana, in Italia, è stato calcolato che con la semplice sostituzione degli apparecchi a legna obsoleti con moderni camini o stufe a pellet si potrebbe ottenere una riduzione dei temuti PM10 dell’80%.
vivo80-lione
vivo90-pn

4. IL CAMINETTO A PELLET HA MENO ESIGENZE DI SPAZIO ED È PIÙ PRATICO DA CARICARE E PULIRE.

Con un caminetto a pellet tutto diventa più semplice. Non è più necessario adibire un grande spazio per stoccare i ciocchi di legna. Il pellet si può immagazzinare comodamente anche in garage.

Normalmente viene venduto in sacchi da circa 15 kg. A seconda dell’utilizzo giornaliero, è sufficiente versare un sacco o mezzo sacco di pellet al giorno nel serbatoio per garantire tutto il tepore necessario in casa. Se è di buona qualità, il pellet brucia perfettamente, lasciando pochissimi residui di cenere nel braciere, che si aspirano velocemente in un paio di minuti.