Qual’é il consumo elettrico di una stufa a pellet?

Ma è vero che la regolazione automatica delle stufe a pellet finisce per consumare molta energia elettrica? Per rispondere a questa domanda il laboratorio francese di analisi Amoès ha effettuato un test scegliendo proprio una delle nostre stufe a pellet più popolari, Kaika nella versione Oyster. I risultati dello studio sono stati pubblicati nel numero di dicembre/gennaio 2012 del bimestrale “La Maison Ecologique”.

 

I test sono stati effettuati in una casa di dimensioni modeste (73 m2), con un fabbisogno calorifico medio (70 kWh/m2 annui), durante il periodo invernale con temperature medie esterne di -7°C.

 

Sono stati testati entrambi i due sistemi di funzionamento della stufa:

  • Ecostop: la stufa si accende quando la temperatura della stanza scende sotto i 17,5°C e si spegne quando raggiunge la temperatura programmata, nel test pari a 19°C.
  • Automatico: la stufa funziona continuamente senza accensioni e spegnimenti, modulando la sua potenza in funzione della temperatura programmata. Quando è in “stand-by” continua a funzionare a potenza minima.

 

Il primo interessante risultato di questo test dimostra che il consumo di elettricità è assolutamente marginale, rispetto al consumo di combustibile, sia in modalità “Ecostop” sia in modalità “Automatica”. In entrambi i casi, il consumo elettrico è inferiore al 2%.

 

Mentre una stufa a pellet consuma 80 kW all’anno di elettricità anche in modalità “Ecostop”, una caldaia a gas consuma annualmente 500 kWh in media, visto che il suo circolatore non è collegato in due casi su tre ad un termostato ambiente.

 

Seconda lezione: l’isolamento della casa è un criterio determinante per limitare accensioni e spegnimenti continui della stufa e quindi ridurre i consumi di elettricità. In una casa a basso consumo energetico, la stufa ha bisogno di accendersi solo 2 o 3 volte al giorno, funzionando ogni volta per circa un’ora per aumentare la temperatura di 2°C.

“Nel caso di un’abitazione a basso consumo energetico, per 25 kWh/m2 annui di legna gli apparecchi ausiliari per il riscaldamento consumano 0,4 kWh/m2 annui di elettricità, cosa che fa di questa stufa un sistema automatico di riscaldamento veramente poco ingordo di elettricità.” – David Chénier, direttore tecnico del laboratorio Amoés.

Scegli la
tua stufa
a pellet

DIFFUSIONE CALORE
  • convezione
  • accumulo
  • ventilazione forzata
  • aria canalizzata
  • acqua
SOLUZIONI
  • a parete
  • ad angolo
  • per separare ambienti
  • per spazi ristretti
  • con uscita fumi superiore
  • recupero focolare
  • per case passive

NOVITÀ
NOVITÀ
NOVITÀ
La stufa di nuova generazione, compatibile con Ecodesign 2022
La prima stufa a pellet dedicata a chi ama la ghisa
La stufa di nuova generazione, compatibile con Ecodesign 2022
La stufa di nuova generazione, compatibile con Ecodesign 2022
La stufa di nuova generazione, compatibile con Ecodesign 2022
Stufa a pellet accattivante e minimale, ispirata al design nordico
Stufa a pellet accattivante e minimale, ispirata al design nordico
Disponibile con struttura stagna, ideale per le case passive
Disponibile anche in versione stagna
La stufa hydro che scalda anche per ventilazione forzata
La stufa hydro per gli spazi ristretti
Una stufa hydro con le prestazioni di una caldaia
La prima stufa di design da oggi disponibile anche in versione hydro (IF Design Award 2011)
La stufa a struttura stagna ideale per case passive
Performance eccezionali, anche nella nuova versione hydromatic
Performance eccezionali, anche nella nuova versione hydromatic
Performance eccezionali, anche nella nuova versione hydromatic
Solo 80 cm di altezza e scarico fumi superiore
Solo 80 cm di altezza e scarico fumi superiore
Adatta agli spazi ristretti, con i flussi d'aria orientabili a piacimento
La stufa senza ventilazione per riscaldare in modo silenzioso
La stufa senza ventilazione per riscaldare in modo silenzioso
La stufa a convezione naturale con fianchi in maglia metallica